venerdì 28 giugno 2013

Paninetti da buffet e cornettini sofficissimi con margarina!



Fino a qualche mese fa, lo ammetto, avevo una certa diffidenza nei confronti della margarina... Poi l'estate scorsa mi sono ritrovata a chiacchierare con un amico pasticcere che mi ha consigliato di provarla nella pasta brioche, e devo dire che ne sono rimasta pienamente soddisfatta!!!
Con quest'impasto ho fatto sia dei paninetti da buffet che dei cornettini, sono morbidi morbidi, non "sanno di burro" e restano perfetti anche dopo il congelamento e lo scongelamento...
Ecco gli ingredienti:

500 g farina 00
200 ml acqua
50 ml latte
50 g di margarina
1/2 cubetto di lievito di birra
2 cuc.ni di sale
1 cuc.no di miele o zucchero

Procedimento

Scaldare appena il latte e l'acqua fino a renderli tiepidi. Sciogliere il lievito in una ciotolina con un po' di acqua e latte ed un cucchiaino di miele (o zucchero). In una ciotola o nell'impastatrice, disporre la farina a fontana, versare dentro il lievito sciolto e cominciare ad impastare aggiungendo man mano i liquidi. Unire il sale e per ultima la margarina. Lavorare fino ad incordatura.

Far lievitare circa un'ora e mezza (dipende dalle temperature), riprendere l'impasto e per fare i panini dividerlo in 32 palline (io divido progressivamente per due: taglio la palla intera a metà, poi dai due pezzi ne ricavo quattro, poi otto e così via...). Creare la pallina pizzicando i lembi sotto in modo che la parte superiore sia tonda e liscia, disporre sulle teglie foderate di carta forno e far lievitare in forma una mezz'oretta. Pennellare delicatamente col latte, se piacciono cospargere sopra i semini di sesamo ed infornare a 180° C per circa 12/15'. Io col mio forno a gas faccio 10 minuti circa di cottura normale e 5' finali sotto il grill.





qui farciti a mo' di hamburger con una micro polpetta!!!



Per i cornettini invece dall'impasto intero ricavo 3 palle che stendo in un cerchio di circa 24 cm di diametro da cui ricavo 16 triangolini che, una volta arrotolati dalla base verso la punta, andranno a creare i cornettini.


Farciti con philadelphia, salumi (o salmone!) e rucola sono deliziosi!!!!!

Mi piacciono molto anche con una mousse di prosciutto o mortadella, ottenuta frullando insieme la stessa quantità di salumi e philadelphia!

li ho provati anche dolci, usando solo un cucchiaino di sale ed aggiungendo alla ricetta 100 g di zucchero, vaniglia e un po' di scorza di limone...



Alcuni li ho farciti a crudo inserendo, mentre li arrotolavo, un pezzettino di cioccolato...
Buonissimi!!!!!!


Con lo stesso impasto in versione dolce ho realizzato questa treccia alla Nutella, prendendo l'idea per la forma da qua!!!




Ultima versione: trecce arrotolate alla crema, le mie preferite a colazione, prendendo spunto da questo post di Cookaround...


venerdì 21 giugno 2013

Cous cous al pesto con patate e fagiolini!

E dopo tanta pasta fresca, buonissima ma pesantuccia con i quasi 40° C che ci attanagliano, ecco una bella ricettina estiva: leggera, poco impegnativa ma tanto gustosa!!!




Ingredienti per 4 persone:

2 bicchieri di acqua
2 bicchieri di cous cous precotto
un bicchiere di pesto (io congelato)
una manciata di fagiolini
(io ho usato quelli che avevo congelato dopo una veloce sbollentatura)
una patata media
sale, olio



Procedimento:

Portare a bollore l'acqua salata. Spegnere il fuoco, aggiungere il cous cous e coprire per cinque minuti. A parte cuocere i fagiolini tagliati a tocchetti e la patata a cubetti gettandoli in acqua bollente salata e contando circa 10 minuti dalla ripresa del bollore.
Sgranare il cous cous con una forchetta, unire il pesto (io quando ho a disposizione il basilico lo preparo in grande quantità e lo congelo, ho usato taaaaaanto basilico fresco, pinoli, parmigiano, un pezzetto di aglio, sale e olio; prima di usarlo lo faccio scongelare mezza giornata in frigo).
Quando è ben amalgamato, unire i fagiolini e le patate e lasciare intiepidire ed insaporire un po'. Servire tiepido o freddo. Ovviamente si può preparare in anticipo, impiegando non più di venti minuti per la preparazione, e gustare dopo qualche ora. Ho scritto che le dosi sono per 4 persone: noi in realtà lo abbiamo mangiato in 2 a pranzo e a cena, e devo dire che la sera mi è sembrato ancora più buono che a pranzo.
Lo vedrei bene anche in coppettine monoporzioni, è leggero, colorato e saporito!



Con questa ricetta partecipo all'interessantissima raccolta forno free di
 Le padelle fan fracasso ed Il cucchiaino di Milù!!!


mercoledì 19 giugno 2013

Gnocchetti innamorati con zucchine e pancetta!

Rieccomi qui con un piatto di gnocchi un po' speciale, dedicato al mio amour...  :Love:




Ingredienti (per 4 persone)

Per gli gnocchi

500 g di patate lessate con la buccia e schiacciate
250 g ca di farina 00
1 uovo
sale e noce moscata q.b.

Per il condimento


2 zucchine
50 g di pancetta
una manciata di mandorle
1 spicchio di aglio
olio
una noce di burro
sale
parmigiano (facoltativo)


Preparazione

Preparare l'impasto degli gnocchi amalgamando le patate schiacciate ed intiepidite con l'uovo e la farina, aggiungere un pizzico di sale e noce moscata a piacere. Una volta creato l'impasto, prelevarne poco per volta e creare dei cordoncini. Anziché tagliarli a tocchettini come di consueto, schiacciare un po' il cordoncino con le dita e ricavare dei cuoricini con una piccola formina per biscotti. Infarinare man mano i cuoricini per evitare che si attacchino tra loro e/o al piano di lavoro.




Per il condimento, saltare in padella le zucchine tagliate a piccoli triangolini con l'olio, l'aglio ed un pizzichino di sale. Quando saranno ben rosolate, unire la pancetta tagliata a striscioline e cuocere un altro minuto soltanto.
Cucinare gli gnocchi in acqua bollente salata, man mano che affiorano in superficie tirarli su con un mestolo bucato e saltarli delicatamente in padella con il condimento di zucchine e pancetta ed una noce di burro per mantecare.
Una volta disposti gli gnocchetti nel piatto, spolverare il tutto con una manciata di mandorle tagliate grossolanamente al coltello e, se si vuole, con qualche cucchiaiata di parmigiano grattugiato e... BUON APPETITO!!  :smile:

martedì 11 giugno 2013

Fiorellini ricotta, speck e rucola ai funghi!


Dopo un lasso di tempo vergognoso (ma gli impegni lavorativi per fortuna/putroppo non mi lasciano molto spazi liberi) eccomi qui a mostrarvi il secondo tipo di pasta fresca realizzato per il "ravioliamo insieme" organizzato su fb dalle dolci squinternate, che ringrazio per l'affetto che mi hanno sempre dimostrato durante gli anni di chiacchierate culinarie telematiche (nonostante i "traslochi") e per avermi voluta menzionare fra i premi che hanno assegnato qui!  Smack a tutte e tre!

Ma veniamo alla ricettina. Quel fine settimana avevo preparato due sfoglie da due uova ciascuna per raviolare, ma per fare i triangoli alla mortadella ne avevo utilizzata una soltanto (non ho certo lesinato sul ripieno, guardate quant'erano "cicciotti"!!!)...
Quindi ho aperto il frigo alla ricerca di qualcosa di appetibile che si potesse trasformare in ripieno per il mio secondo tipo di pasta fresca. L'inventario non era molto lungo: una vaschetta aperta di ricotta di mucca, qualche fetta di speck e dei rimasugli di rucola in fondo alla busta. Idea!:Ligthbulb:
E così, come spesso accade, dagli avanzi è venuto fuori una gustosa nuova accoppiata, tanto golosa che, sono sicura, la ripeterò presto di proposito!!! 

Ingredienti
2 uova di sfoglia

4/5 fettine di speck
mezza confezione di ricotta vaccina (saranno stati circa 150 g)
qualche fogliolina di rucola
parmigiano reggiano q. b.
noce moscata

Procedimento

Iniziare a preparare il ripieno frullando lo speck e la rucola. Aggiungere la ricotta, mescolare con un cucchiaio per amalgamare bene ed aggiungere il parmigiano grattugiato a cucchiaiate, quel tanto che basta per ottenere un ripieno sodo. Aggiungere la noce moscata e far rassodare in frigo. Nota: di solito alla ricotta aggiungo un po' di uovo sbattuto per amalgamare  meglio il ripieno, stavolta ne ero sprovvista ed ho fatto senza, è venuto comunque molto buono e per niente "slegato", probabilmente anche perché la ricotta era di mucca e ben asciutta.

Tirare la sfoglia ad uno spessore non troppo sottile, piegarla in orizzontale più o meno a metà, avendo cura di lasciare la parte che va sopra un po' più abbondante, come si vede in questa foto.

Nome: sfoglia piegata per ravioli.jpg
Visite: 32
Dimensione: 91.4 KB 

Riaprire la sfoglia,tenendo la piega come guida, e senza premere troppo segnare sulla pasta le "impronte" dei fiorellini. Con l'aiuto di due cucchiaini o di un sac à poche spremere al centro di ogni fiorellino una noce di ripieno.


 

Richiudere la sfoglia e ritagliare i fiorellini. Io li sbollentati a poco a poco, immergendoli in acqua bollente e tirandoli su dopo pochi minuti, poi li ho fatti raffreddare su un vassoio di plastica e conservati in congelatore.

La settimana successiva li ho preparati, tuffandoli da congelati direttamente nell'acqua bollente, e li ho conditi con dei funghi champignon saltati in padella con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio e poi mantecati con una nocina di burro e innevati di parmigiano!!! Buonissimi!!! :big_smile:



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...